ANDROMEDA E LA SUA DOPPIA STORIA

Andromeda in mitologia
Secondo la mitologia greca, la sua storia si sviluppa nel regno di Etiopia. Andromeda è la figlia di Cefeo e di Cassiopea che vantava che sua figlia era pià bella delle Nereidi, ninfe-figlie del dio del mare Nereo che spesso accompagnava Poseidone. Per l’ arroganza della regina, Poseidone, fratello di Zeus e dio del mare, ha voluto punirla. Così ha mandato un mostro marino per distruggere la zona intorno al regno. In seguito ha ordinato Cefeo di sacrificare sua figlia, legandola su una roccia sulla costa, perchè se volevano che il mostro partisse da quella zona, lei doveva essere divorata proprio dal mostro. Così ha fatto Cefeo, dopo che aveva chiesto il consiglio all’ oracolo di Apollo. Alla fine però, l’Andromeda incatenata è stata liberata da Perseo che avendo già ucciso la Medusa di Gorgone, si è avvicinato invisibile (perchè portava il cappuccio di Ade) ha ucciso il mostro marino e se l’è sposata. Dopo la morte di Andromeda, intorno al 412 a.C. come viene riferito da Euripide, la dea Atena la pone come costellazione al cielo boreale, vicino alle costellazioni di Persea e di Cassiope.

Andromeda come costellazione
Andromeda si chiama la Galassia Spirale di 4000 stelle nel emisfero boreale del cielo nota anche come Meisser 31. Si trova al sud della Cassiopea fra le costellazioni di Pegasos e di Perseo in una distanza di circa 2.310.000 anni luce dalla Terra. Qui si intromette anche la mitlogia, e in particolare il mito che dice che Andromeda si trova in questo posto perchè c’è stata mandata dalla dea della sapienza Atena (Minerva) quando è diventata una stella insieme a suo marito Perseo. La nostra Galassia si muove verso quella di Andromeda. Studi relativi all’ alone galattico di Andromeda  dimostrano che è molto simile a quello della nostra galassia ed è la nebulosa più lontana che possiamo distinguere a occhio nudo.